Risparmia sulla Spesa di casa!

  • NO AI MINI MARKET
    La grande distribuzione è per sua natura più conveniente rispetto ai piccoli negozi. Ottiene infatti la merce all’ingrosso a prezzi più favorevoli (ha un maggiore potere contrattuale sui produttori) e inoltre deve far fronte alla concorrenza tra insegne e punti vendita che alla lunga favorisce il consumatore.

    Il negozio sotto casa o i minimarket possono risultare comodi o dall’aria familiare. Ma avranno di certo prezzi più alti. Se si punta al risparmio è bene concentrare le spese nei supermercati e ipermercati.
     

  • HARD DISCOUNT
    Gli hard discount sono una variante dei supermercati specializzati unicamente nella convenienza. L’obiettivo di questi punti vendita è praticare prezzi il più possibile bassi tagliando ogni spesa superflua come il personale (spesso limitato) e gli allestimenti.

    Cosa conviene comprare? Chiaramente la qualità degli alimenti è in alcuni casi (attenzione: non sempre però) di livello inferiore rispetto a supermercati o ipermercati. Però, come ha certificato Altroconsumo in una delle sue indagini, se si sceglie una grande catena e si sceglie in maniera accurata, si può contare su prodotti di discreto valore. Sicuramente tutto quello che non si mangia è più conveniente (anche fino al 50% in meno): prodotti per la pulizia della casa, detersivi, carta igienica e da cucina, pile, lampadine e via dicendo.

    Quali sono? Ecco una lista dei principali in Italia:
    Eurospin: in Italia il leader del segmento, almeno per quanto riguarda il numero di punti vendita.
    Lidl: è l’azienda comunque più nota e da tutti assunta a riferimento del segmento
    Penny Market
    In’s Mercato, del gruppo PAM
    Dico, del gruppo Coop Italia
    Più
    MD
    LD, Lombardini Discount
     

  • I MERCATI RIONALI
    Stando ai dati Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) i mercatini rionali riescono ancora a garantire qualche risparmio.

    Sulle bancarelle molti generi, in particolare frutta e alimenti, possono essere più convenienti che al supermercato. Ciò è dovuto al fatto che la merce, prima di arrivare al consumatore, subisce meno passaggi intermedi di quanto accadrebbe al supermercato, che vuol dire meno persone che ci devono guadagnare.

    Consigli e Avvertimenti:
    -frutta e verdura costano meno soprattutto a fine mattinata, quando i negozianti temono l’invenduto.
    -trova una bancarella di fiducia, dove sei sicuro di trovare merce di qualità pagata a prezzi convenienti.
    -attenzione ai venditori ambulanti che non mettono bene in evidenza il cartellino con il prezzo, la legge lo impone.
    -controllate sempre lo scontrino per evitare rigonfiamenti indesiderati.
    -faccia tosta e negozia il prezzo, molte volte pur di non perdere una potenziale vendita il commerciante troverà una via di mezzo.

  • LISTA DELLA SPESA
    Andare a fare la spesa con una lista dettagliata dei prodotti da comprare e imporsi di rispettarla.
    Compilare una lista della spesa è il modo più efficace per evitare gli acquisti d’impulso. A casa, con calma, pensa a quali menù prevedi di realizzare. Se ti può essere d’aiuto, dividi la lista in categorie (come colazione, pranzo, cena, pulizia casa) e riempi categoria per categoria con i prodotti che desideri acquistare.
     
  • AL SUPERMERCATO
    Le regole base:
    1) Prezzo al chilogrammo: nel confrontare duo o più prodotti, soprattutto quelli  in offerta, leggi sempre bene l’etichetta che riporta il prezzo al chilo. Ti indicherà quanto costa realmente quel prodotto. Negli alimenti deve essere indicato per legge.
    2) Grandi confezioni: preferire le confezioni più grandi, perché normalmente convengono di più. Approfittane per acquistare quei prodotti che consumi di più nei cosiddetti formati confezione famiglia.
    3) Gli scaffali più costosi: non fermarsi ad acquistare prodotti posizionati sugli scaffali centrali. I prodotti più convenienti sono sistemati in basso.
    4) Marche famose: provare anche prodotti meno famosi e pubblicizzati. Spesso consentono un risparmio del 10-15% e la loro qualità è buona.
    5) Data di scadenza: prima di acquistare un prodotto in offerta controllare sempre la data di scadenza. Inoltre i prodotti messi dietro hanno sempre una data di scadenza più lunga.
    6) Tutto al banco gastronomia: salumi e formaggi venduti al taglio costano meno al chilo di quelli già confezionati.
    7) Stomaco pieno: evita di fare la spesa quando hai fame o hai sete: sarai indotto a comprare di più e resisterai meno facilmente alle tentazioni.
     
  • CONSUMARE PRODOTTI DI STAGIONE!
     
  • I MARCHI PRIVATI
    Un vantaggio importante di fare la spesa nelle grandi catene di supermercati (Esselunga, Coop, Carrefour, …) è la possibilità di poter sceglie i cosiddetti "marchi privati", cioè quei prodotti che recano il marchio del supermercato stesso.
    In realtà, questi articoli non sono prodotti direttamente dal rivenditore, che invece seleziona un produttore il quale gli assicuri un prezzo vantaggioso sui prodotti e una buona qualità.
    A quel punto il rivenditore pone il suo marchio. 

    I marchi privati in genere assicurano quindi una buona qualità e prezzi vantaggiosi. Per chi vuole risparmiare sono una ottima scelta.

     

  • CONSUMA L'ACQUA DEL RUBINETTO
    Publiacqua sostiene una campagna informativa (Acquadelrubinetto.it) per sensibilizzare i cittadini a riflettere sul valore dell'acqua del rubinetto, bene prezioso sprecato in altri usi e spesso disprezzato come acqua da bere.

    L'acqua che sgorga dal rubinetto (escluse particolari zone d'Italia) è assolutamentesana e viene controllata con una frequenza molto più alta di quella in bottiglia.
    A meno di particolari esigenze personali, quindi, puoi risparmiare centinaia di euro all'anno usufruendo della tua fonte domestica gratuita.

    Acquadelrubinetto.it ci offre 4 buoni motivi per non comprare più acqua in bottiglia:
    - L'acqua del rubinetto ti fa risparmiare: 
    6 bottiglie di acqua costano mediamente 2,40 euro mentre 9 litri di acqua del rubinetto costano meno di 0.01 euro.
    - L'acqua del rubinetto è sana:
    E' controllata di più dell'acqua in bottiglia, non contiene batteri, è filtrata ed ha caratteristiche che la rendono un'acqua di alto livello.
    - L'acqua del rubinetto è già a casa tua:
    E non pesa niente. Una famiglia di tre persone che consuma acqua in bottiglia invece è costretta a trasportare e sollevare una tonnellata di bottiglie ogni anno.
    - L'acqua del rubinetto è pulita:
    Non fa accumulare tonnellate di rifiuti di plastica da smaltire, che sono un costo per i cittadini ed un danno per l'ambiente.

  • CARTE FEDELTA'
    Le carte fedeltà sono tutte quelle tessere che i supermercati offrono gratuitamente ai clienti e che permettono di ottenere sconti e premi.
    I punti che accumuli su queste carte, spendili bene. 
    Una volta raggiunto un buon numero, non interessarti dei premi catalogo. Non sono mai grandi affari e potrebbero pure costarti un contributo aggiuntivo di denaro. 
    Converti sempre i punti accumulati in buoni sconto sulla spesa.
    Il guadagno sarà immediato.